Convegno Regionale FeDerSerD Veneto

Le Evidenze Scientifiche Entrano in Carcere: Best practices, procedure e linee guida per la presa in carico del consumatore di sostanze

PADOVA - Centro Congressi A. Luciani

Accreditamento: Il Convegno accreditato ECM per le seguenti figure professionali del settore: medico, psicologo, infermiere, educatore professionale, assistente sanitario, farmacista. I crediti formativi sono richiesti anche per la figura professionale dell'assistente sociale secondo la normativa prevista dall'Ordine di riferimento.
Le Evidenze Scientifiche Entrano in Carcere: Best practices, procedure e linee guida per la presa in carico del consumatore di sostanze

clicca qui

Programma Preliminare

RAZIONALE

Sono passati 15 anni da quando la presa in carico del consumatore di sostanze in carcere viene garantita dal Servizio Sanitario Nazionale per il tramite dei Servizi delle Dipendenze. In questi anni sono accaduti molti avvenimenti che hanno segnato la storia delle dipendenze nel nostro Paese attraverso il cambiamento degli stili di consumi, la crescente complessità del consumatore e la crisi del sistema d’intervento. Di contro, in questi ultimi anni, le evidenze scientifiche hanno svelato alcuni dei più importanti meccanismi neurobiologici alla base delle dipendenze patologiche, dimostrando l’efficacia delle misure di riduzione del danno e dei trattamenti di cura e di riabilitazione.
L’esperienza degli Stati Generali dell’Esecuzione Penale ha certamente determinato un forte segnale di svolta nel ripensare al carcere come un luogo di sfida e sinergia per l’intera società civile in direzione di un reale cambiamento, che nell’ambito della salute in carcere significa portare nella pratica clinica quotidiana le evidenze scientifiche.
Il congresso in quest’ottica, vuole essere occasione per presentare le più consolidate evidenze scientifiche nell’ambito del trattamento del consumatore di sostanze in carcere e di presentare le migliori best practices attualmente presenti nel nostro Paese, in modo da arrivare a costruire, in maniera condivisa anche con il sistema della Giustizia, procedure operative e linee guida in grado di incidere significativamente sul miglioramento della qualità e dell’efficacia dei trattamenti in ambito penitenziario.