FeDerSerd - Convegno Macroregionale

LA COMORBILITA' NELLA CLINICA DELLA DIPENDENZA: RUOLO E CENTRALITA' DEI SER.D. NELLA PRESA IN CARICO DEL CONSUMATORE PROBLEMATICO

MILANO - Centro Congressi Hotel Michelangelo
18 Maggio 2018

Accreditamento: Il Convegno è accreditato ECM per le seguenti figure professionali del settore: medico, psicologo, infermiere, farmacista, educatore professionale, assistente sanitario, tecnico della riabilitazione psichiatrica. I crediti formativi sono richiesti anche per la figura professionale dell’assistente sociale secondo la normativa prevista dall’Ordine di riferimento. Crediti ECM: 4,2
LA COMORBILITA' NELLA CLINICA DELLA DIPENDENZA: RUOLO E CENTRALITA' DEI SER.D. NELLA PRESA IN CARICO DEL CONSUMATORE PROBLEMATICO

clicca qui

Programma Scheda Iscrizione Iscrizione on line

Il Convegno affronta il tema della comorbilità nei pazienti con disturbo da uso di sostanze o di addiction.
In particolare l’attenzione si focalizza sulle due principali condizioni comorbili: i disturbi psichici concorrenti e le patologie infettive.
I servizi delle dipendenze sono nati sull’emergenza dell’eroina per via endovenosa e la concomitante epidemia dell’infezione HIV e quindi fin da subito hanno dovuto affrontare il tema del trattamento della patologia da dipendenze senza scotomizzare la comorbilità infettivologica.
La risposta è stata quella di modellare le organizzazioni secondo due logiche: un approccio che ha creato connessioni fra differenti specialisti ed una risposta autonoma anche nella prescrizione e gestione delle terapie antiretrovirali.
Recente è l’attenzione alla infezione da virus dell’Epatite C e l’impegno a contribuire all’obiettivo di salute pubblica di eradicazione della infezione in Italia.
Da un punto di vista psichiatrico, dopo anni di assoluta indifferenza tra salute mentale e dipendenze, l’arrivo della cocaina ha fatto “emergere” il problema della comorbilità psichiatrica.
I servizi hanno cominciato a parlarsi e a definire protocolli interaziendali, più o meno formali, dettati dalla necessità di risposta ai pazienti.
Il panorama più recente ha messo sul tavolo una serie di questioni: giovani consumatori e sempre più frequenti accessi ai PS per intossicazioni acute da alcol o mix di sostanze, incremento della psicopatologia indotta dagli psicostimolanti.
La recente riforma del welfare lombardo integra i due sistemi da un punto di vista organizzativo nell’idea di una facilitazione dei percorsi per i pazienti. Se l’assetto organizzativo è in qualche modo più semplice il percorso culturale avrà necessariamente tempi più lunghi.